Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 17 giugno 2008

SPERANZA E PREOCCUPAZIONE

Scrivo a nome di un gruppetto (7/8 persone) di maturi Santangiolesi.

Non sappiamo usare questi nuovi 'infernali' sistemi di comunicazione (computer, internet, telefonini ecc.). Facciamo fatica però a Sant'Angelo a comunicare i nostri pensieri rendendoli un pò più pubblici; si fa fatica a parlare sinceramente in piazza; ognuno difende il suo piccolo 'territorio' a scapito dell'interesse comune.

Il modo in cui i cittadini hanno votato ad aprile a Sant'Angelo ha acceso in noi una speranza; finalmente forse qualcosa cambierò; la maggioranza dei Santangiolesi è stanca del vecchio sistema politico. Subito dopo però il clima che si è creato è stato molto diverso da quello che ci potevamo aspettare. Invece di dare tutti una mano e sostenere i nuovi amministratori ad affrontare il loro compito sono di nuovo emerse, più forti di prima le divisioni, le lotte, l'invidia, l'odio....

Qualcuno invece di aspettare ha cominciato a giudicare i nuovi amministratori prima ancora che cominciassero; qualcun'altro attribuisce loro la responsabilità per come il paese è ridotto: ma certe situazioni negative esistono da molti anni!

La nostra paura è che qualcuno vuole o annullare il risultato del voto (che ha espresso la volontà dei cittadini) o mettere talmente in difficoltà il nuovo sindaco e i nuovi assessori per poi intervenire come 'salvatore della patria' e farsene merito (dicendo anche di avere determinato, con indicazione di voto, il risultato elettorale).

Abbiamo voluto lanciare un appello: Santangiolesi VIGILATE! Non fatevi fregare un'altra volte.

Abbiamo affidato ad un giovane, le nostre speranze sono soprattutto poste in loro, il compito di mettere questo appello su Internet, sperando che sia letto e che qualche altra persona segua il nostro esempio.

Un gruppo di maturi Santangiolesi pieni di speranza e di preoccupazione.....

3 commenti:

a. l. cibellis ha detto...

Ho abitato per quasi tre anni nel vostro paese e ho portato con me, nel cuore, il ricordo di una bellezza rara del paesaggio, di molte persone simpatiche e di tante situazioni belle, ma anche l'impressione di una diffusa inefficienza istituzionale e di una rassegnazione mesta tra molti abitanti.
Intervengo un pò sdegnata, perchè ritengo davvero poco onorevole, per delle persone serie di una certa età, fare commenti senza nemmeno firmarsi.
Non ci crede nessuno che siete davvero chi dite di essere e poi anche quello che dite è sciocco.
Non conosco bene come vanno adesso le cose a sant'angelo ma vedo le foto e leggo.
Nessuno ha mai dato colpe alla nuova amministrazione ed anche su questo blog se ne parla bene, semmai spronandola correttamente ad agire.
Le foto e i commenti parlano chiaro, però, ci sono situazioni di degrado e di pericolo urgentissime e nessun amministratore può esimersi dall'intervenire dicendo "tanto non è colpa mia".
Ma state scherzando? Io non ho parole.
Spero che queste opinioni siano di gente comune e non di amministratori o loro sostenitori, sarebbe gravissimo.
Prof. Anna Laura Cibellis (Perugia)

un santangiolese che vive qui ha detto...

prof Cibellis,
Le assicuriamo siamo gente comune.
Come tutti quelli che viviamo in questo paese, tranne qualche rarissima eccezione, non riusciamo ancora a firmarci con nome e cognome. Sa in passato: favori, minacce promesse, ritorsioni meschine.
A quesyo eravamo abituati, e siamo ancora schiavi di questa abitudine. CI aiuti se può.
Con rispetto e simpatia

Anonimo ha detto...

Che pagliacciata i nonnini che hanno comperato il gelatino ai nipotini dell'altro blog per farsi scrivere l'articoletto sul blog moderno e si sono scordati di firmare.
Ma quando la finirete cone queste buffonate, se i nonnini sanno del blog significa che lo leggono e se lo leggono questi strumenti moderni non sono tanto infernali.
Almeno riflettete ma davvero è tutto qui quello che sapete fare?