Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

mercoledì 18 marzo 2009

Rischi naturali e ambientali, le iniziative dell’Amra


di Giulia Stella
Fervono le iniziative del centro di monitoraggio antisismico (Amra – Cima) di Sant’Angelo dei Lombardi che, quotidianamente, scandaglia e monitora l’Alta Irpinia per controllare i rischi naturali ed ambientali.
Centinaia di sensori sono stati istallati su tutto il territorio alto irpino sia a monte che a valle, lungo i fiumi Ofanto e Sele e nel perimetro della Diga di Conza, che in tempo reale sorvegliano, dalla centrale operativa di Sant’Angelo dei Lombardi, gli eventuali e scongiurabili allarmi di tutti i movimenti del sottosuolo, dei pendii montani e degli argini.
Coevemente, a riprova della validità scientifica del centro di monitoraggio, l’università Federico II di Napoli Facoltà di Ingegneria ha bandito il Master in gestione e mitigazione dei rischi naturali e ambientali, le cui lezioni e attività si terranno proprio presso il centro Amra di Sant’Angelo dei Lombardi nel periodo Aprile – Giugno 2009, riservate a 50 laureati in Ingegneria, architettura e scienze. Il centro Amra - Cima è impegnato, inoltre, a far conoscere la cultura della prevenzione e della tutela del territorio e quindi ha avviato una serie organica di visite guidate e lezioni interattive con gli istituti scolastici dell’Alta Irpinia, che si estenderanno successivamente alle strutture tecniche degli enti locali, agli ordini professionali e centri di cultura o di scienze della provincia di Avellino.
Il 26 e 27 marzo inizieranno le visite degli studenti del liceo di Sant’Angelo dei Lombardi con la partecipazione del Professore Rotella e degli altri docenti di materie scientifiche, nonché con la partecipazione dei professori del dipartimento di geotecnica della Federico II (Prof. Urciuoli e Ing. Penna).
Infine nel mese di giugno si terrà sempre presso la sede Amra di Sant’Angelo dei Lombardi si svolgerà un importante convegno con la partecipazione di tutte le università nazionali e di numerosi esperti mondiali, sulle nuove tecniche per l’allarme preventivo e la mitigazione del rischio sismico.

Nessun commento: