Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 27 maggio 2008

Comunicato stampa del Laboratorio Democratico sul PD e i rifiuti

Il decreto legge sui rifiuti fatto da berlusconi è inaccettabile sia sotto il profilo etico che dal punto di vista ambientalista. Non rispetta le leggi, non rispetta i luoghi, non rispetta le persone.

Le ombre del PD nazionale fanno finta di niente, ma è semplicemente vergognosa la posizione del PD regionale. Bassolino ha concordato il decreto con Berlusconi. I due vecchi marpioni avranno ragionato in questo modo: tu ti salvi e io faccio bella figura. E hanno salvato anche l’Impregilo.

Ora ci chiediamo cosa pensa il PD provinciale di questo decreto.

Ci sono belle persone, oneste e competenti, in questo partito irpino, ne siamo coinvinti, ma rischiamo di rimanere invischiate nella melina precongressuale.

Ci sono nel PD irpino persone assai migliori dell’attuale segretario regionale Iannuzzi, piazzato a quel posto per fare da cameriere a un padrone che non c’è più.

Non vorremmo che mentre la gente viene picchiata il partito nuovo sia ancora alle prese con le regole o con la sistemazione di qualche assessorino.

In questo caso non siamo interessati a partecipare ad alcun congresso e men che mai a votare un partito che pensa solo a se stesso.

Non c’è bisogno di ribadire la nostra richiesta di dimissioni per certi personaggi. Ci basta aver espresso democraticamente il nostro pensiero.

Al Laboratorio Democratico partecipano le

intelligenze buone della NUOVA IRPINIA

Franco Arminio - Luca Battista - Dario Bavaro - Michele Ciasullo -

- Enzo Luongo - Michele Minieri - Salvatore Ruggiero - Paolo Saggese -

Angelo Verderosa - Antonio Vespucci - Franco Archidiacono - Antonio Vella

- Arcangelo Lodise - Fiorenzo Iannino - Toni Ricciardi –

Giuseppe Iuorio - Antonello Matarazzo - Nino Uva – Alfonso Nannariello -

- Carmine Prudente - Giovanni Marino - Pietro Brundu - Eugenio Perrotti –

Andrea Forgione – Nicola Zarra – Felice Storti – Angelo Cataldo

- Sergio Gioia - Paolo Mascilli Migliorini – Federico Verderosa

Antonio Petruzzo – Salvatore Storti – Felice Santoro – Enrico Tecce

- Giuliano Minichiello - Fiorella Guerriero - Paolo Battista

Antonio Luongo - Michele Natale - Giovanni Maggino - Enzo Cristallo

- Paola Maria Guerriero - Flaviano Oliviero – Alessandra Maddaloni -

Gianni Fiorentino - Luigi Famiglietti – Nino Sica – Mario Pagliaro –

- Antonio Rauzzino – Alevidio Zoena – Gianni Storti – Annarita Colantuono -

Valentina Corvigno - Vincenzo Storti – Urbano Todisco - Emiliano Bruno –

- Luigi Salzarulo – Andrea Romita - Michele D’Onghia - Michele Giammarino

Stefano Farina - Luisa Valvano - Nicola Guarino - Donato Fratianni

- Emidio Lepore – Maria Teresa Iarrobino - Teresa Cella

FRANCO ARMINIO arminio17@gmail.com - 0827.89259 - 388.7622101

NO ALLA DISCARICA

SI’ AL PARCO DELL’IRPINIA D’ORIENTE

DIBATTITO IN CORSO SUL BLOG http://comunitaprovvisoria.wordpress.com

6 commenti:

Anonimo ha detto...

cosa ne pensate delle dichiarazioni fatte ieri dal Presidente della Repubblica Napolitano che ha affermato che la soluzione del problema rifiuti va cercata in un'ottica 'regionale' e non 'provinciale'?

Anonimo ha detto...

Penso che sia una stupidaggine senza senso...... io dico perchè regionale e non nazionale allora? E se vogliamo perchè non europea?
I rifiuti o sono di tutti, o sono di chi li produce.
Se sono di tutti tutti debbono provvedere a dare un contributo alle emergenze, se sono di chi li produce vi sia una ripartizione delle discariche proporzionale alla produzione.
Come dire i rifiuti i napoletani se li tengano a casa loro... sono sporchi indisciplinati e vittimisti. Squallidi!

G48 ha detto...

Il presidente ha invitato a "promuovere una visione solidale e unitaria" del problema.
Per me allora si tratta di vedere il problema in termini nazionali.
Non è forse un'emergenza come lo furono l'alluvione di Firenze, i vari terremoti tragici (non devo dirlo a voi) e altre calamità che hanno afflitto l'Italia ? E non c'è stata gara di solidarietà tra gli italiani ?
G48

Anonimo ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con G48 e con il precedente anonimo.

il genio d'irpinia ha detto...

Che slogan ridicolo da presuntuosi: le intelligenze buone dell'Irpinia si definiscono questi del Laboratorio Democratico, come se al di fuori di loro fosse tutto uno schifo.
Cari amici di democratico in questa mentalità non c'è proprio nulla, a parte il delirante proposito di ritenervi migliori degli altri.
Credo che siate solo l'ala delusa del Partito Democratico alla ricerca di una nuova ideologia in cui far finta di credere: avete puntato tutto su un cavallo pensando che fosse vincente e siete stati disarcionati.
Blogger perchè non li butti fuori?
Noi sul loro blog non possiamo scrivere al massimo solo commentare se approvano il contenuto.
Ditemi se vi pare giusto!

Anonimo ha detto...

Non ci pare giusto ma tolleriamo in considerazione dell'importanza e della delicatezza della situazione.
E' una lotta che va affrontata da tutti con la ragione, con la passione, con l'attenzione e con il confronto, ma se necessario anche opponendosi con vigore e con decisione.
Non possono fare dell'Irpinia l'immondezzaio di Napoli.
A Chiaiano non li vogliono e ci li dovremmo prendere noi? Perchè mai ditemi?
E poi qualòe altro posto della Campania ha nella purezza del proprio territorio l'unica risorsa spendibile per il futuro oltre l'Irpinia?
Assurdo, inconcepibile, stupido come tutte le scelte politiche degli ultimi 20 anni!