Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 9 giugno 2009

Provinciali, Sibilia stravince sulla De Simone

Il senatore del PdL è il nuovo presidente della Provincia di Avellino. Le congratulazioni di Rotondi.
Il senatore del PdL, Cosimo Sibilia, è il nuovo presidente della Provincia di Avellino. L'esponente del centro destra ha asfaltato l'ex presidente Alberta De Simone totalizzando il 58% delle preferenze.
Al nuovo presidente di Palazzo Caracciolo sono giunte le congratulazioni del Ministro Rotondi: “Il successo di Cosimo è orgoglio e soddisfazione per tutto il PdL nazionale. Si è ricomposto un blocco culturale e sociale innaturalmente spaccatosi nel ’95 e riunito oggi in un nuovo progetto politico”.
Così il ministro per l’Attuazione del Programma di Governo, Gianfranco Rotondi, sul successo elettorale dell’on. Cosimo Sibilia alla presidenza della Provincia di Avellino.

Ecco la divisione parziale dei seggi a Palazzo Caracciolo:

PdL 6
Udc 5
MpA 2
Patto Popolare 2
AdC 1
Merito è Libertà 1
Udeur 1
Totale seggi 18
Pd 8
Democratici 1
IdV 1
Italia Popolare 1
Totale seggi 11

11 commenti:

Sammy ha detto...

Cipriano a Sant'Angelo fa flop e con lui mezza amministrazione santangiolese vede ridimensionato il proprio peso elettorale e conseguentemente le proprie ambizioni politiche.
Repole e i suoi si leccano le ferite e avranno bisogno di un pò di tempo (speriamo non troppo) per comprendere le ragioni di questa storica disfatta, ragioni che per qualche misterioso sortilegio non sono stati in grado di comprendere finora.
Sena gongola per i suoi oltre novecento voti, indubbiamente frutto della grande considerazione umana e personale di cui gode in paese, ma che forse considerati i molteplici "tradimenti civici" posti in essere in questa campagna elettorale non saranno sufficienti per accedere alla carica provinciale (in bocca al lupo).
Imbriano si cimenta come sempre in equilibrismi retorici e in profezie più o meno improbabili, era una candidato valido, con un pò di umiltà doveva dedicare più tempo alla comprensione della realtà attuale nel suo paese prima di gettarsi in proclami, competizioni ed offese ingiuste: la verità non è quella che ti raccontano in piazza ma è scritta nella mente e nel cuore della gente Antonio e tu questo dovesti saperlo assai meglio di me.
Una cosa è certa: SANT'ANGELO LENTAMENTE MA INESORABILMENTE STA RICOMINCIANDO A RIFLETTERE A GIUDICARE E A SCEGLIERE!

Sammy ha detto...

I commenti sono di nuovo pubblicabili direttamente e tra pochi minuti lo saranno anche i post.
Facciamo appello come sempre alla cultura e al senso etico di chi scrive.
Grazie e scusate per questa parentesi in direzione antidemocratica, vi siamo stati costretti per tutelare il valore ancora più alto della dignità personale di tutti i candidati alle elezioni.

Anonimo ha detto...

Comunali di Avellino.
Galasso e Preziosi vanno al ballottaggio
I due candidati si fermano al 42%

Anonimo ha detto...

800 voti si aspettava Imbriano, 800 voti avevano promesso gli amministratori comunali di S.Angelo a Cipriano di Rocca, 1000 voti si aspettava Sena, chissà quanti Repole e il PD. Ma quanti elettori ci sono in questo ridicolo paese?

Maria rosaria del Guercio ha detto...

Quando ,in questo problematico paese,non sant' angelo,ma l' Italia,capiremo di come sia prioritario rispettare la volonta' popolare che nonostante tutto e' manifestazione di scelte libere,benche' possano, per alcuni, essere discutibili.Per fortuna che nel nostro paese non vige un regime da "colonnelli" di passata memoria:nessuno e' andato alle urne con il fucile piantato dietro!Per quel che riguarda le scelte il popolo e' sovrano e se sbaglia paghera' in prima persona per i propri errori.E' la storia che agisce,quella stessa storia che sappiamo essere "Magistra",,,oppure non e' davvero cosi'?

Anonimo ha detto...

contenti che de mita e` stato eletto?

Anonimo ha detto...

maria rosaria non dica amenità.quale libero voto?dove?in italia?il libero voto esiste se vi è libera informazione.in italia c è??
allora non attribuire al popolo colpe e responsabilità nn sue.
la colpa è di questa trasversale classe dirigente infame e illegale.

ottavio ha detto...

Non sono forse illegali i finti posti di lavoro, i contratti part-time e le altre bassezze poste in essere dai soliti potenti locali per accaparrarsi qualche voto?
Non certo De Mita ma questa gente è entrata nelle nostre case.
Li abbiamo accolti con il sorriso e li abbiamo salutati ridendo, per la loro idiota presunzione di farci fessi un'altra volta.
Adesso blaterate di illegalità, di informazione e di democrazia.
E' come se Caino pretendesse commiserazione per essersi ferito un dito nell'ammazzare il fratello.
Ma fatela finita e vergognatevi piuttosto.
Dimenticavo: salutatemi Franceschini prima che parta.

Anonimo ha detto...

lei nn sa di cosa parla.....cmq spero che almano le sia chiaro il concetto di trasversalità...

mrdg ha detto...

Chi, dove e come ha approfittato della politica per accaparrarsi posti di lavoro finti? E' evidente che chi fa simili denunce e' al corrente di fatti e circostanze,magari approfittandone in prima persona!Questo e' purtroppo il sud,che ha contagiato ormai l' intera penisola,non solo col malcostume ma con la maldicenza il sospetto l' ingiuria .In tutto questo guai ad essere onestri e ligi al dovere,bisogna per forza trovare qualche pecca,perche' il lato buono delle cose storpia!

ottavio ha detto...

Non capisco cosa autorizzi MRDG a dire che per sapere certe cose probabilmente ne ho approfitato.
La mia sola colpa è quella di avere occhi per vedere e orecchi per sentire, ho visto e sentito e riferisco quello che però non potrei provare e quindi denunciare formalmente.
Questo non significa affatto che io sia corresponsabile ma solo che purtroppo non ho abbastanza prove per fare una denuncia. Sarebbe la mia parola contro quella di un altro. Oltre alla beffa forse MRDG sarebbe contenta se mi procurassi anche il danno?
Per quanto riguarda la trasversalità dal mio punto di vista è quella linea lungo la quale si collocano i delinquenti di tutte le forze politiche, senza distinzione di partito e di ideologia. Solo che qui da noi per tanti anni quella linea ha segnato il percorso sempre alle stesse persone, dunque...
Sono comunque sicuro che il nostro dottissimo amico avrà una definizione più meditata della mia essendo la "trasversalità politica" più utile per lui che per me.