Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 28 aprile 2009

Quis custodiet ipsos custodes?

QUIS CUSTODIET IPSOS CUSTODES?

 

Avrei voluto porre il quesito al Blogger di Nuova Sant’Angelo, dopo la svolta autoritaria degli ultimi tempi: “Da oggi eventuali, improbabili, commenti su questo blog da parte dei suoi numerosi lettori saranno pubblicati, come già avviene per i post, solo dopo essere stati da me, o da chi per me, visionati. Ma da quando il Blog si è trasformato da luogo di discussione e dibattito in comitato elettorale del Blogger, non c’è più spazio per il dialogo, ma solo per slogan,  bandiere ed autocelebrazioni.

Dopo tale svolta, provo a dare una risposta al quesito iniziale, analizzando proprio l’evoluzione del Blog Nuova Sant’Angelo. A tal fine chiedo ospitalità al Blog Nostra Sant’Angelo, non a caso nato in contrapposizione al primo.

Il Blog Nuova Sant’Angelo, sulla cui paternità si è molto discusso in origine, ha svolto un ruolo molto importante in occasione delle ultime elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale, contribuendo in maniera significativa all’elezione dell’attuale Sindaco che, a torto o a ragione, è stata l’espressione di un voto libero e di rottura rispetto al passato, dando fiducia ad un esponente della società civile, nonostante la presenza in lista di un politico di lungo corso.

Successivamente la gestione del Blog è passata all’attuale amministratore e tale passaggio è stato visto, almeno inizialmente, positivamente: l’amministratore del Blog era una persona nota, che si assumeva onori e oneri.

Durante il mese di agosto, sull’onda emotiva della questione “Formicoso”, il Blogger ha dato vita ad un movimento politico M.I.S.P.A (Movimento Irpino Sannitico per l’Autonomia), servendosi del Blog per farlo conoscere agli elettori.

Non essendo riuscito nell’intento di fare proseliti (il suo fondatore non è riuscito a bissare il successo di un noto personaggio santangiolese che negli anni ‘70, unico iscritto al Partito Radicale, dopo un solo mese inviava un telegramma alla federazione provinciale del partito annunciando con enfasi di essere riuscito a raddoppiare gli iscritti: da 1 a 2, avendo tesserato il fratello), il Blogger ha rinunciato al MISPA, per candidarsi con La Destra alle prossime elezioni provinciali per le circoscrizioni di Avellino e Monza-Brianza.

Da quando ha ufficializzato la propria candidatura con La Destra, da ultimo confluita nel POLO DELL’AUTONOMIA, il riferimento Al paese “QUI San’Angelo dei Lombardi (terra d’Irpinia)” ha perduto ogni ragion d’essere, tant’è che il Blog, fatta eccezione per il tragico evento sismico che ha colpito l’Abruzzo, non ha più registrato un solo post, le visite sono andate progressivamente scemando e il vuoto è riempito dalle autocelebrazioni del Blogger.

A questo punto, cerco di dare una risposta al quesito iniziale: Chi controlla i  controllori?

In politica: gli elettori. Sono loro che decidono se il controllore da loro eletto meriti ancora fiducia.  Nella vita di un Blog: il numero di visitatori e dei commenti.

Ebbene, per tornare alle vicende del Blog Nuova Sant’Angelo, la risposta dei visitatori-commentatori alla gestione dell’attuale Blogger non lascia adito a dubbi. Il controllore ha perso il controllo del Blog, perché si è trasformato in qualcosa di diverso: uno strumento di propaganda elettorale del Blogger.

Per quanto mi riguarda, fintanto che il Blog Nuova Sant’Angelo non tornerà ad essere uno strumento al servizio dei santangiolesi, mi asterrò da qualunque intervento.

Inutile insistere nella richiesta di restituire ai santangiolesi il Blog, perchè il Blogger non rinuncerà mai alla piazza virtuale. Male, purché se ne parli!

Ringrazio per l’ospitalità il Blogger Sammy.

Giovenale

 

5 commenti:

Marziale ha detto...

Nella quasi totale assenza del blogger su questo sito vedo la conferma di quello che più volte si è detto: uno spazio virtuale, in assenza di qualsiasi intervento di moderazione o censura, appartiene a chi scrive, a chi legge e non a chi lo ha creato.
Una ulteriore dimostrazione di questo assunto, si ricava dal fatto che se io in questo momento scrivo che Tizio è un grosso imbecille, dovrei rispondere dell'ingiuria personalmente, dinanzi alla legge, a prescindere da ogni responsabilità del blogger.
Ciò chiarito, davvero trovo poco commendevole, l'atteggiamento del sig. Imbriano che amministrando uno spazio virtuale nato con lo scopo di dare spazio a tutti i cittadini di Sant'Angelo, se ne è alla fine appropriato e dopo aver fortemente censurato ogni opinione contraria adesso addirittura impedisce ai suoi concittadini di utilizzarlo, servendosene per fini personali e politici.
Cambi, finalmente, il nome del blog in modo che chi lo visita sappia di essere in uno spazio personale del sig. Imbriano che è distante anni luce dalla comunità santangiolese e dai suoi reali problemi, vivendo da decenni in Lombardia, oppure lo restituisca alla cittadinanza creando, se ne ha la capacità, uno spazio personale suo dove poter liberamente dare sfogo alle sue individuali ambizioni politiche.
Non capirà o farà finta di non capire, ma avevo il dovere di provarci.
Saluti ai miei concittadini.

Marziale

Sammy ha detto...

Confermo quanto detto da Marziale, questo blog non è mai stato "casa nostra" lo abbiamo solo creato e subito condiviso con chi riesce a credere che anche a Sant'Angelo si può parlare liberamente, di tutto, anche di politica.

Nessuna "ospitalità", dunque, viene concessa a Giovenale il quale, come tutti, è libero di scrivere quando vuole, quello che vuole e se vuole, gratificandoci anzi, per il fatto di adoperare lo strumento di comunicazione che abbiamo creato a beneficio del paese intero.

Le uniche regole da rispettare, per il bene di tutti, sono riportate nel disclaimer in fondo alla pagina, altro non c'è.

Saluti e in bocca al lupo a tutti i candidati alle provinciali, Imbriano compreso, anche loro, se lo ritengono opportuno, potranno avvalersi di questo spazio per comunicare con gli elettori liberamente, con la garanzia di una totale assenza di manipolazioni o censure da parte di chiunque.

Crediamo nel confronto libero e democratico e alla lunga dimostreremo a tutti che anche a Sant'Angelo " ... we can!"

Anonimo ha detto...

In questo paese ridotto all'impotenza l'unica libertà che resta è la libertà di andarsene. Ormai è nell'anima dei santangiolesi il culto della rassegnazione e della illegalità, di tutti tranne che di quelli più delinquenti che continuano a fare i loro sporchissimi giochi.

Anonimo ha detto...

OI OI OI HANNO MESSO SOTTO INDAGINI ANCHE COZZOLINO COME MAI NON LO SCRIVETE QUI? NON ERAVATE AMICI DEGLI AMICI?

Anonimo ha detto...

prima argonauto mo giovenalo; natu poco sparisce purisso!!!!