Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 19 maggio 2009

La Destra e Storace... chi era costui?

Lo scandalo "Laziogate"
Nell'ambito dello scandalo "Laziogate" si apprende, nel marzo 2006, che Storace è indagato dalla procura della Repubblica di Roma per violazione della legge elettorale, il procedimento è ancora in corso. Nell'inchiesta, condotta dai pm Italo Ormanni, Achille Toro e Francesco Ciardi, risultavano già indagati per i reati di accesso abusivo al sistema informatico e violazione della legge elettorale, l'ex portavoce di Storace, ai tempi della presidenza della Regione Lazio, Niccolò Accame, il vicepresidente del consiglio comunale di Roma, Fabio Sabbatani Schiuma (allora in An, oggi nel Movimento Per l'Italia), l'ex direttore tecnico della società Laziomatica, Mirko Maceri, l'avvocato Romolo Reboa e i due detective arrestati nell'ambito dell'inchiesta della procura di Milano, Pierpaolo Pasqua e Gaspare Gallo. Nell'aprile 2006 si apprende inoltre che Storace è indagato anche per il reato di associazione a delinquere, contestato anche a Niccolò Accame, Fabio Sabbatani Schiuma, Mirko Maceri, Pierpaolo Pasqua, Gasbare Gallo e l'avv. Romolo Reboa. Storace e tutti gli altri indagati sono stati assolti da tale accusa nel giugno 2007, ma è stato rinviato a giudizio dalla procura di Roma con l'accusa di accesso abusivo ad un sistema informatico. Il processo è iniziato il 15 maggio 2007.

L'inchiesta sulla sanità
Nell'agosto 2007 si apprende che Storace è indagato dalla Procura Di Roma per la presunta erogazione irregolare di finanziamenti per la ricerca scientifica avvenuta nell'anno 2005, mentre Storace ricopriva la carica di ministro della salute. Si tratta della stessa inchiesta per la quale è indagato Raffaele Fitto di Forza Italia (ex presidente della Regione Puglia).

Offese al Presidente della Repubblica
Il 15 ottobre 2007 Storace finisce sotto inchiesta dalla Procura di Roma con l'accusa di offesa all'onore o al prestigio del presidente della Repubblica (articolo 278 del codice penale). Dopo che il giudizio immediato svoltosi il 28 maggio 2008 era stato rinviato in attesa della pronuncia del Senato, quest'ultimo ha negato la possibilità di processarlo, esprimendo l'insindacabilità per le opinioni espresse sulla base dell'articolo 68 della
Costituzione, secondo il quale i parlamentari non possono essere chiamati a rispondere delle loro parole durante l'esercizio delle loro funzioni. La vicenda era legata alla diatriba tra Storace e Rita Levi Montalcini.

41 commenti:

Anonimo ha detto...

Casini sta a Bologna, Storace sta a Roma e nui tenimmo li uai nuosti cu sti mariungielli e sti raccumannati

Anonimo ha detto...

Per le offese alla Montalcini e al presidente della repubblica non è che avesse tutti i torti Storace. Ma vi ricordate cosa combinava la Montalcini per tenere in piedi il governo Prodi, per non parlare delle raccomandazioni di Napolitano per il figlio. Fate i bravi non sarà simpatico Storace ma non difendete l'indifendibile

Minima Moralia ha detto...

Fate i bravi e finitela tutti. Hanno voluto fare i mafiosi con le foto e sono stati puniti e sfottuti abbastanza, adesso cerchiamo di parlare di cose più serie.
Questo ciarlare non giova a nessuno, ai lettori di questo blog non piace.
Per favore!

Anonimo ha detto...

Che bello si è accesa la campagna elettorale. Alla grande

Anonimo ha detto...

Minimo nu nte ngazzà quissi so fascisti te purghene po siente che p...a

Anonimo ha detto...

La cosa più incredibile è che UDC e la DESTRA sono anche alleati. Litigano e portano voti a Sibilia.
Poi dicono che uno si butta a sinistra e va contro mano e gli ritirano pure la patente.

Anonimo ha detto...

Quanti tagliaturi

zed ha detto...

Non siate così "estremisti" nei vostri giudizi.ok...qui il blogger o moralia sono schierati per le europee ma cmq vi è data la possibilità di esprimere pubblicamente le vostre percezioni,concordi o discordi che siano.dovreste essere grati per questa possibilità al prescindere dal fine che alcuni intravedono nella gestione dello stesso blog.di la l arma della censura preventiva è molto affilata..quindi utilizzate lo stumento che qui vi viene offerto con grande rispetto per chi lo gestisce.zed

allibito ha detto...

scusa ora non ho tempo pero` vorrei chiarire alcuni concetti adomani

Maria ha detto...

Seguo questo blog fin dall'inizio ma ci scrivo da poco. So quanto vi è costata questa scelta ma avete fatto bene, a male estremo estremi rimedi.
Comunque complimenti per il blog e per l'impegno che dedicate alla sua gestione.

Sammy ha detto...

Raccolgo l'invito a fornire spiegazioni in merito alla cancellazione, tra gli altri commenti diffamatori, di quello in cui si dichiarava l'esistenza di indagini in corso a carico di Ciriaco De Mita.
Di questa notizia non è citata la fonte e a chi scrive non risultano procedimenti giudiziari in corso a carico del leader di Nusco, conseguentemente riteniamo giusto eliminare il commento, diffamatorio fino a prova contraria.
Storace ci risulta ufficialmente indagato e quindi la notizia resta!

Non amiamo De Mita e crediamo che si possa discutere per anni sul suo operato che ormai appartiene si spera alla storia della politica, ci piace invece Casini il suo modernismo critico e il suo equilibrio tra le opposte fazioni e a maggior ragione ci piace e ci entusiasma la candidatura di Nino Sena alla Provincia.

A lui e agli altri candidati auguriamo comunque buona fortuna!

libero ha detto...

Il professore Lucido sostiene Cipriano il candidato di Rocca S. Felice, ormai lo sappiamo tutti, quello che non ho capito è chi sostiene il gruppo di amministratori comunali che si è convertito al PDL.
Non che abbiano chissà quanti voti, certamente Vincenzo Lucido è il leader anche sotto questo profilo, però mi piacerebbe capirci qualcosa.

Anonimo ha detto...

Censurando hai dato Il MASSIMO di te stesso ridicolo ...non hai capito nulla...

Anonimo ha detto...

se ngazzzato lu criaturo. lu pallone e le mio e faccio jucà a chi voglio io. se pigliato lu pallone e se neghiuto

SCIPIONE ha detto...

Purtroppo l'aver attivato la moderazione dei commenti è una sconfitta per tutti. Per il pensiero libero, per chi vuol leggere e capire ma soprattutto per te Minima. Devi ammettere che non sei riuscito a trattenere e controllare l'onda d'urto di chi, e non credo che fossero tutti sostenitori di Imbriano, hanno espresso le proprie opinioni in maniera condivisibile o meno. Queste persone, se rifletti, avrebbero potuto tranquillamente scrivere sull'altro blog, essendone i benvenuti, avrebbero trovato molto spazio. Alla luce di tutto ciò una riflessione non sarebbe sbagliata. Un'ultima cosa e te la dico da osservatore disinteressato; la fine dell'altro blog è cominciata quando c'è stata l'attivazione della censura. Chi ha orecchie per intendere intenda.

zed ha detto...

per onore di cronaca la mia non era una liquidazione totale...l ho solo letto sui commenti..ma pensavo che fosse vostra intenzione farlo notare.non sono mai cosi superficiale nei mei giudizi.cmq ,per inciso,meglio l udc che il pdl..;_)!un saluto moralia .zed

Minima Moralia ha detto...

Caro "Scipione" apprezzo il tono pacato e l'analisi insita nel tuo commento e ti rispondo per questo.

La moderazione dei commenti è sempre una sconfitta, solo che sbagli a considerarla una "mia" sconfitta, ritengo che sia soprattutto una sconfitta della comunità a disposizione della quale questo blog è posto da sempre.

Personalmente accetto ogni forma di espressione del pensiero, ad eccezione della diffamazione:
se qualcuno scrive che Storace è sottoposto al giudizio della magistratura, pur trovando tale pubblicità inopportuna e sleale in prossimità del voto, non posso "censurare" perchè questa circostanza è vera.

Ma se qualcuno scrive che De Mita è indagato dai giudici, senza indicare la fonte di questa notizia, tutt'altro che notoria, devo affrettarmi a cancellare il commento per non incorrere io stesso nella complicità in un reato.

Vorrei fosse chiaro a tutti, poi, che sostenere il programma e la figura di un politico è attività liberamente concessa a tutti, senza commettere abusi e senza esagerare; cosa assai diversa è inveire ed offendere un candidato, questo non lo tolleriamo qualunque sia il candidato offeso.

All'amico e stimato dottore Sena, in particolare, va tutta la nostra solidarietà per la vicenda della pubblicazione da parte di un avversario di un post dai toni surreali e minacciosi corredato peraltro dalle foto della casa del candidato, dove egli vive con moglie e figlio.

La motivazione di questa pazzesca condotta rende la vicenda ancora più grottesca: la grave colpa sarebbe, infatti, di aver affisso un manifesto(uno solo) sul cancello antistante la propria abitazione.

Concludo precisando di aver ricevuto nella sola serata di ieri quattordici email di cittadini, in buona parte firmate, che si dichiaravano offesi dalla tracotanza e dai toni adoperati nei commenti contro il candidato locale, evidentemente ben visto da molti.

Parlare bene di qualcuno si può, se si vuole solo parlare male si può farlo da un'altra parte.

A noi piace l'UDC di Casini e ancor più ci piace il dr. Sena, soprattutto se l'alternativa ha il volto e i metodi di Antonio Imbriano, al quale comunque auguriamo la migliore fortuna.

Rispettosamente ... Minima Moralia :-)

Anonimo ha detto...

Minimo non essere ridicolo e non fare torto alla tua intelligenza. La stessa fonte che hai citato per Storace è quella per De Mita per lo scandalo del dopo terremoto ossia wikipedia. Fai tanto il moralista e ti permetti di difendere De Mita la persona meno difendibile al mondo.

PUBLIO ha detto...

Caro Minimo, sono rimasto molto deluso e ti confesso che non mi farei mai difendere da te come avvocato, sei pericolosamente maldestro. Non scrivevo da tantissimo tempo sul tuo blog ma ti avevo avvertito, che avevo una buona spada che si chiama penna e una mitraglia che si chiama tastiera, per difenderti quando ti attaccano ma anche per attaccarti quando sbagli. Hai sostenuto che avevi censurato i post anti De Mita perchè non avevano fonte, creando così una caccia alla notizia che rischia di ritorcersi contro di te. La fonte c'è e ben documentata oltre a wikipedia, la stessa che hai usato contro Storace.Per lo schifo del terremoto del 1980, quando l'UNITA' il giornale comunista fondato da Antonio Gramsci e diretto all'epoca dei fatti da Massimo D'Alema uscì in prima pagina con il titolo: DE MITA SI E' ARRICCHITO CON I SOLDI DEL TERREMOTO. Oppure ti devo ricordare cosa scrisse MONTANELLI di De Mita. La rete è diabolica non puoi smentire nulla, tutto ritorna è la massima libertà di pensiero e di conoscenza. La prima stupidaggine che dici si ritorce contro. Dici che non ci sono notizie di reato contro De Mita, allora vai a leggere il libro: Se li conosci li eviti” di Marco Travaglio e Peter Gomez. Lì è la fonte. Tutto questo solo per amor di verità. La reazione è stata scatenata, almeno questo spero che lo abbia capito, non per difendere Storace, personaggio antipatico e arrogante, quindi indifendibile ma perchè ti sei messo ad esaltare il primo nemico di S.Angelo CIRIACO DE MITA. Non so se userai la censura anche contro di me, la cosa non mi interessa, ma è facile prevedere che appena finisco di scrivere questo commento lo ritroverò sull'altro blog, senza mia volontà. Ovviamnete

Minima Moralia ha detto...

Ma perchè censurare chi esprime opinioni, sia pur non condivise, senza offendere nessuno e senza commettere reati?
Non abbiamo pubblicato noi il post su Storace e abbiamo pubblicamente condannato questi metodi, comprese le intimidazioni fatte sul blog di Imbriano, ma continuiamo a sottolineare, perchè costretti, che mentre Storace è a tutt'oggi "sotto processo", De Mita non ha allo stato attuale procedimenti giudizari in corso davanti ad un magistrato, o almeno a noi non risulta.

Quindi mentre Storace se ci denuncia per aver pubblicato il vero ci fa un baffo, se ci denuncia De Mita ci fa neri e la cosa mi dispiarebbe alquanto.

Io non creo nulla mi limito ad interpretare "narra mihi factum dabo tibi ius"; quando sarà riuscito a comprendere il senso del mio discorso, caro Publio, si cerchi pure un miglior difensore, sono certo ne troverà facilmente uno.
Saluti ... Minima Moralia :-)

Anonimo ha detto...

beh...eccellente difesa da parte di moralia.secondo me dovrete fare di meglio per farlo scricchiolare,sforzatevi un pò...

PUBLIO ha detto...

Non ci siamo Minima, scusami ma non ci siamo proprio. Non usare latinismi, già ci aveva pensato Manzoni nei promessi sposi a descrivere l'avvocato azzeccagarbugli che si espimeva in latinismi sterili per confondere le idee al povero Renzo. Dammi il fatto e ti darò il diritto, avresti fatto bene a dire e ci saremmo capiti noi e i nostri poveri lettori. Ti è stata citata la fonte delle accuse a De Mita, Ti ripeto il libro di Travaglio e Gomez,se non ti bastasse guardarti attorno. Dai fai il bravo ci siamo capiti. La presenza di De Mita nell'UDC disturba anche te, non ti credo demitiano e male ha fatto Casini ad accoglierlo e Sibilia a farne l'alleanza.

Minima Moralia ha detto...

Posso essere dell'Udc senza essere demitiano, come si può essere del Pd senza essere bassoliniano o sostenere Storace senza per questo essere coimputato nel suo processo.
Se leggi il post di Sammy fuga molti dubbi in proposito.
De Mita, in questo momento resta PER NOI non indagato ma se tu hai notizie diverse non cancellerò il tuo commento come atto di pura fiducia. Invitandoti CALOROSAMENTE a riflettere sulle responsabilità penali e civili a cui stai per esporti.
A NOI DE MITA NON RISULTA ATTUALMENTE SOTTOPOSTO AD ALCUN PROCEDIMENTO GIUDIZIARIO, STORACE SI.

Il latino è una deformazione professionale alla quale facciamo ricorso senza necessariamente scomodare Manzoni, se questo ti mette a disagio vi rinunceremo volentieri.
Sogni d'oro ..... MInima Moralia :-)

PUBLIO ha detto...

Mi rendo conto che sei stanco è un poco irritato quando sei incalzato. Per cui cerchi di arrampicarti sugli specchi. Ti ricordo che le responsabilità sia civile che penali sono e restano individuali e che i fatti citati nei confronti degli esponenti democristiani sono ampiamente dimostrati e riportati in un libro che è stato anche un best sellers. Non mi disturba affatto qualsiasi lingua si voglia parlare purchè non venga usata impropriamente. Sogno d'oro e spero tanto do non averti rovinato la nottata

Anonimo ha detto...

hhuhuhuhuhhuhuuhua!moralio immoralio....

Minima Moralia ha detto...

La responsabilità civile non è affatto personale e quella penale è personale ma può essere solidale, proprio come quella del blogger che omette di rimuovere un intervento diffamatorio avendolo rilevato tale.
Un pò di studio invece di dormire sonni troppo tranquilli non ti farebbe male Publio.
E comunque non hai pronunciato la fatidica frasetta che darebbe sostegno e vigore alla tua frsgile e poco dotta impalcatura logica : D........ è attualmente sotto processo come è sotto processo Storace.

Ricambio l'augurio di un sonno tranquillo ma domani, a mente fresca, ripassati qualcosina, tanto per evitarti brutte figure.

Minima Moralia (irrecuoperabilmente affranto ed insonne)... :-)

totore ha detto...

Pubblio Pubblio ma quanta scoppele uoi angappà musera? va te c orca che fai meglio.

Maria ha detto...

Effettivamente quella della responsabilità civile personale è da raccontare, soprattutto perchè pronunziata da contanto intellettuale fornito di spada e di mitra.
Ridere o piangere non lo so, forse meglio dormire, comunque con il sorriso sulle labbra.

zed ha detto...

ma ancora a rispondere...?!lasciatelo perdere dopo queste catronerie...zed

forza s.angelo ha detto...

Publio dormiva e fosse faceva anche di meglio e voi rosicavate. Grande Publio mi piaci continua a scrivere.

Anonimo ha detto...

Publio è il classico santangiolese che butta la pietra e nasconde la mano. Fate attenzione è molto furbo fa venire fuori tutte le contraddizioni del caso per poi farci litigare.

w del goleto ha detto...

Publio secondo me è un democristiano con nostalgie socialiste, amico di minimo, oserei dire compagno di merende. Che fa la parte del contraddittorio con minimo

a. m. ha detto...

Magari tutti gli scontri dialettici avessero il tono e i contenuti di quelli tra Publio e Minima Moralia, sarebbe simpatico e interessante partecipare. Purtroppo la presenza di tantisimi ignoranti abbassa in modo non recuperabile il tono del dibattito.

Zi Peppo ra fore ha detto...

mannaggia lu riavelo mannaggia qua` nun ze pote kiu` scrive senza addummanna` lu permesso.
MInima Moralia te voglio arrecurda` quedda bella frasa che steva scritta ngoppa` a tutto.
"non condivido la tua opinione ma faro` di tutto perche` tu possa esprimerla".
te rico ke mi deluso nu picca nunn`e` possibilo ke na persona cumm` a te ke e` sturiato ke e` accurturato ke e` ndeligente e` fatto sta c.....a.
NUn t` offende se te rico sta cosa, me rispiace se te la pigli,
ma a tutto nge` sta rimedio.
lassa li commendi liberi e condinuammo cumme immo fatto fino a coocche iurno fa, io tu zed sam publio e tand` aveti
a la fine de mito e storacio se ne fottene re li guai nuosti
mo pekke` imma asci` pacci e imma sciarra`pe colpa lore?
stiteve buono ve voglio bene a tutti quanda

totore ha detto...

Uoi zì Pè, te mettesse rint'a nu munumento ngimma a nu cavaddo ianco, certe bote rici cose probbeto esatte, e nun dico chiù nienti, chi era capì è capito e si nunn'è capito se face fotte.

Anonimo ha detto...

PUBLIO SI TUOSTO SU NU FESSA COMMA A TOTORE NU LU CAPISCE...SCRIVIMI NU POCO CHE ME PIACI CUMME PARLE NUI VUTAMMO PE TE

publio ha detto...

Caro Minimo, non metterla sul piano della conoscenza della filosofia del diritto che ne esci con le ossa rotta e costringi i pochi rimasti a scappare dal blog per noia.

Mi è sembrato che il nostro ragionamento sia stato leggermente frainteso dai nostri tre lettori, non illudiamoci non sono di più,e che ci sia stata una disputa da cavalleria rusticana tra sostenitori di Storace e De Mita.

Nulla di tutto questo ovviamente; dei due soggetti personalmente non ho stima, come non ho stima dell'intera classe politica di questo paese, immagina un pò de quella provinciale. Ti ribadisco un concetto di base per me: la libertà di essere informati e importante quanto quella informare e tu lo hai cercato di proibirlo creando una serie di reazioni a catene che hanno semplicemente avvantaggiato i tuoi avversari politici, analizza i post sul'altro blog e te ne renderai conto.

Un limite di questa derelitta Irpinia è stato quello di avere avuto una classe dirigente disastrosa quanto la natura che ciclicamente si abbatte contro.

Se vuoi sapere come la penso per le prossime elezioni provinciali non ho alcuna remora a dirtelo.

I santangiolese dovrebbero scegliere tra i sei candidati locali, se ci pensi sono ben distribuiti tra centro, destra e sinistra, quindi non mancano le alternative. C'è di tutto volti nuovi e vecchi, idealisti e forchettoni. In sintesi lo spaccato della società santangiolese.

Ovviamente nessuno potrà essere eletto, ma nel piccolo è una forma di amore per il paese votare una persona che si conosce e dirgli una parola di conforto o, perchè no, di rimprovero

In bocca al lupo a tutti

Minima Moralia ha detto...

Caro Publio, ti confesso che faccio fatica a comprendere il senso di quello che scrivi.

Dai una cattiva dmostrazione di conoscenza del diritto e dici che sono io ad uscirne con le ossa rotte.

Mi rimproveri per aver ostacolato l'informazione e non capisco in che modo, forse eliminando le offese ad entrambi i candidati?

Parli del vantaggio che avrei causato ai miei avversari ma trascuri due dati: il primo è che io non ho avversari ma solo un caro amico candidato, il secondo è che l'offesa al dr. Sena è stata percepita come tale non solo da me e da altri frequentatori del blog ma anche dalla redazione del sito di informazione on line "Irpinia nel Mondo", ben più prestigioso e diffuso di questo.

A volte ho la sensazione che tu dica cavolate senza nemmeno riflettere sugli avvenimenti e senza leggere quello che scrivono gli altri. Sembri uno struzzo, nascondi la testa ma il sedere ti resta fuori e tutti lo vedono, non illuderti.

Ti auguro una splendida serata Publio, sempre dedicando un pò di tempo allo studio del diritto ed alla analisi linguistica, percepisco una eccessiva fragilità nei tuoi discorsi recenti forse causata da troppa gelosia.

Salutoni Minima Moralia ... :-)

Anonimo ha detto...

minimo piglia le botte e nu se vole sta me chiu piaciuto Publio

PUBLIO ha detto...

Povero minimo, fai l'ottuso o lo sei, ti riempi di aria fritta e a furia di gonfiarti rischi di esplodere. Purtroppo la cultura, non puoi comprarla al mercato il lunedì. Chi ci legge sa benissimo che tu te la suoni e tu te la canta, basterebbe vedere la quantità di post che ti scrivi da solo, riempiendoti da solo di ridicolo, come giustamente dice più di un post. Un conto è sostenere un amico,liberissimo di farlo, un altro e censurare gli altri che ti dimostrano, dati alla mano come l'UDC sia uno dei partiti più ridotti mali dal punto di vista penali in Italia.

Sei arrivato al punto di negarne la tradizione democristiana, come se fosse un'onta

Ti riconosco una certa frustrazione quando ti faccio notare i tuoi limiti giuridici, da bravo azzecagarbugli e da pessimo sostenitore del tuo candidato, che paradossalmente potrebbe essere anche il mio se non fosse candidato con Ciriaco De Mita. Lo vuoi capire tontolone che questo è l'unico motivo per cui non prenderà i voti che si aspetta.

Parlare con te non è difficile è inutile, ti faccio notare solo una cosa: l'altro blog ha aperto la moderazione tu l'hai chiusa e noi non sappiamo in questa momento cosa dicono i pochi rimasti frequentatori di questo blog a parte quello che vuoi far sapere tu.

Minima Moralia ha detto...

Carissimo Publio, i tuoi commenti sono di gran lunga quelli più sciocchi, ma non essendo direttamente offensivi di un candidato, non meritano nemmeno di essere "moderati".

Se pubblichiamo quello che scrivi tu, dunque, puoi star certo che non censuriamo niente, il resto, in effetti, può soltanto essere migliore o almeno più interessante e concreto.

E poi i tuoi commenti e l'apprezzamento per gli stessi che tu da solo esprimi anonimamente, costituiscono la misura della tua fragile personalità e la prova del tuo risentimento, che a questo punto non credo sia rivolto solo verso di me ma più probabilmente verso il mio (e tuo) amico Nino Sena.

Forse ti disturba l'aprezzamento che questo nostro difficile paese riserva a lui ed a me in termini di riconoscimento sociale ed etico e ancor prima di gratificazione professionale ed umana.

Non cercare nell'invidia e nel rancore appagamento per la tua frustrazione perchè probabilmente proprio nella tua cattiveria e nella tua acidità risiede la causa della tua sconfitta sociale.

Stai tranquillo che in prossimità della presumibile soppressione dell'ente provinciale a qualcuno verrà in mente di candidare anche te e ti sosterremo tutti, con passione ed affetto.

Goditi questo fine settimana di sole e fai un pò di sport, ti aiuterà a scaricare i nervi e ad essere più sorridente e socievole.

Con amicizia ... Minima Moralia :-)