Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 18 marzo 2008

Perchè votare per un poeta?

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Non ci sono ragioni perchè non si debba votare per un poeta.... ma sinceramente non vedo neppure motivi perchè si debba votarlo in quanto poeta.
Come spesso è accaduto non vorrei che con questa scelta si perda un pregevole scrittore per acquistare un pessimo parlamentare.... e mi pare assai probabile che accada.
COMUNQUE IN BOCCA AL LUPO!

Anonimo ha detto...

Domanda superflua.... per la stessa ragione per cui si può votare per un disoccupato per un medico per un imprenditore per un avvocato..... per la stessa identica ragione....... cioè...... BOH!!!

Anonimo ha detto...

Ma che argomentazione stupida, oltre che capziosa. Secondo i sostenitori del vate(r), essere un poeta sarebbe una garanzia, un'assicurazione per avere un buon politico? Questa è semplicemente un'offesa alla nostra intelligenza.

Anonimo ha detto...

Nemmeno però si può escludere che farà bene il suo lavoro in Parlamento solo perchè è un poeta....... moderazione per favore... da tutte le parti... quelo che piace è il confronto delle idee.

mariarosaria del Guercio ha detto...

Anche arminio come dice Gaber, fara' un segno sul suo segno?Che bella questa democrazia che fa di un poeta, un parlamentare,un senatore con tanto entusiasmo di gettarsi in politica che in questo momento è solo una mischia, una grande ammucchiata.non viene di augurargli nulla,figurarsi se un "ad maiora"...ed è realismo e non disfattismo!