Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

lunedì 17 marzo 2008

La favola di un partito che non c'è

Da Wikipedia enciclopedia libera online
LA FAVOLA...
La volpe e l'uva è una delle più celebri favole attribuite a Esopo. I riferimenti alla fiaba nel linguaggio comune assumono quasi le caratteristiche del proverbio.
"Fare come la volpe con l'uva" significa, metaforicamentee, reagire a una sconfitta sostenendo di non aver mai desiderato la vittoria, o disprezzando il premio che si è mancato di ottenere....
Una volpe, dopo aver sognato di raggiungere un grappolo d'uva, si sveglia accorgendosi che quel grappolo esiste davvero. L'animale affamato tenta con grandi balzi di staccare il grappolo ma ogni sforzo è vano. Constatando di non poterla raggiungere, esclama: "non è ancora matura!".
La morale è: è facile disprezzare quello che non si può ottenere.
IL FATTO...
Giochi fatti anche a Sant’Angelo dei Lombardi dove la scena politica che si presenta agli occhi dell’opinione pubblica locale e non solo, evidenziata con la presentazione di tre liste, è stata caratterizzata da frantumazioni e veti incrociati nella comunità.
“Il PD- recita la nota a firma dei coordinatori Giancarlo Cetta e Rosanna Repole - prende atto che non è stato possibile fare un discorso politico per dare forza a un progetto che mirava ad una coesione sociale, aperta alle giovani generazioni, innovativo volto ad un rilancio della comunità ritenendo con grande senso di responsabilità di non presentare una propria lista. Il PD volendo rappresentare un nuovo modo di intendere la politica, partendo dalle idee e dalle cose da fare, non abdicherà alla volontà di costruire nel paese un progetto politico di ampio respiro e di rinnovamento e di essere elemento di pacificazione.
L'obiettivo pertanto è quello di liberare energie e talenti, per costruire una nuova classe dirigente basata su merito e competenze.
In assenza di queste motivazioni e in presenza dei soliti giochi di potere, riconfermiamo di continuare il percorso iniziato a livello nazionale, regionale e provinciale per rilanciare le fondamenta di un progetto generazionale per la nostra Sant’Angelo basato su nomi capaci di creare un diverso rapporto di fiducia, recuperando capacità politiche sul territorio.
Contro i trasformismi e le ambiguità, lavoreremo per il nuovo modo di intendere la politica, con l'impegno di essere ancora e più motivati protagonisti nella campagna per le politiche del 13 e 14 aprile”.
LA CONFERMA...
Dal Corriere" Quotidiano dell'Irpinia (lunedi 17 marzo 2008)
Il laboratorio di Arminio: in alcuni comuni il PD fantasma.
"Registriamo a margine della giornata di Carife l'incapacità in alcuni comuni di esprimere candidati e liste del PD".
La delusione proviene dagli uomini del laboratorio del PD Franco Arminio a margine della convention tenuta sabato a Carife.
"Probabilmente in questi comuni - si legge in una nota - il PD è quella parte monca che rimane dell'organizzazione demitiana impartita ad ottobre 2007".
Una parte monca, "incapace di presenza autonoma, di testimonianza, di creatività. Una parte sicuramente stanca e che ha esaurito il proprio ruolo politico".
E' opportuno già prima del voto, "aprire una riflessione e rilanciare l'idea del partito democratico, anche in questi comuni".

3 commenti:

Salvatrice Della Patria ha detto...

Vero ... vero.... vero..... vero...... vero...... :-)))))

Antonio ha detto...

Condivido appieno il fine dell'articolo ed aggiungo che certe campagne di "moralizzazione" fatte da certe persone che ritengono moralizzante solo la propria idea e la propria scelta, hanno un sapore che riporta ad un terribile passato.Buon lavoro a questo blog che mi piace ma aggiornatelo più spesso ed apritelo ai contributi.

Anonimo ha detto...

sul blog del LABORATORIO DEMOCRATICO IL PARTITO CHE NON C'E'

http://irpino.wordpress.com/2008/03/17/sangelo-dei-lombardi/