Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

martedì 21 luglio 2009

Partito Democratico: troppi scandali e pochi iscritti

Pd: chiuso il tesseramento. Iscritti soltanto in 600mila.
Siamo certi che, senza il feticistico accanimento per le vicende di letto del Presidente Berlusconi, sarebbero anche meno; pesano molto, non c'è dubbio, i tesseramenti dei fedelissimi del gossip "terra terra" alimentato, per far cassa, dalla peggiore stampa nazionale ed estera.
E' questa, comunque, l'ennesima prova del fallimento elettorale e morale di questo partitello che sperava di spostare l'attenzione degli italiani dalle ruberie di molti suoi esponenti, alle vicende sessuali del premier, per documentare le quali si è giunti a mettere microfoni e telecamere persino in bagno e sotto i letti di casa.
Tutto sommato dall'intera vicenda ricaviamo, se non altro, un minimo di rassicurazione.
Sircana, il portavoce di Prodi e del suo governo di centrosinistra, dopo gli impegni istituzionali, si dilettava a cercare per strada prostitute transessuali.
Bianchini, coordinatore romano del Partito Democratico è fortemente indiziato di aver commesso numerosi stupri in danno di malcapitate donne.
Al Berlusca nazionale, si riconosca almeno "l'onore e il merito" di aver ripristinato l'invidiato mito del mandrillone italico, tutto sommato un ritorno alla "normalità" dei costumi sessuali tra gli esponenti politici del nostro paese.
Insomma, meglio una notte d'amore con una bella ragazza, con galanteria e gentilezza, che altre pratiche sessuali "poco comuni" e talvolta, purtroppo, anche efferate ed illegali.
Chiudiamo con un dubbio che si traduce in una domanda: alla D'Addario sono riusciti a proprinare la tessera del PD o l'innocente fanciulla lavora ancora come indipendente?
Simpaticamente vostro .... Minima Moralia :-)

6 commenti:

votastommeco ha detto...

Statti tranquillo Minimo che tutti li PD santangiulisi prima che lu partito affonna se ne scappene n'ata vota a du De Mita.
Tutti tranne una che nun sape proprio cumm'edda fa, nisciuno la vole chiù. Che brutta fine puveredda.

Anonimo ha detto...

Nun te preoccupa' che puru quedda puveredda se ne vace addu silviuccio, tando cu quedda faccia ra cuorno che se trova nun ge manga lu stummeco

Anonimo ha detto...

ecco il peggiore moralia che riprende il poter e e la parola(sic!)
sempre il gioco della pagliuzza e della trave..perché non provate ad informarvi sulle dichiarazione del figlio del boss ciancimino,della lettera in cui la MAFIA chiedeva al berlusca una sua tv per fronteggiare i magistrati siciliani (Caselli ndr)?
In quegli anni c' erano alcuni programmi mediaset in cui si inveiva contro i magistrati rossi...
perchè non vi informate sui colloquidi borsellino poco prima della strage...?con l' allora ministro degli interni?
guardiamo sempre le pagliuzze,mai le travi...

Minima Moralia ha detto...

Non è vero... abbiamo visto anche "la trave" dell'ennesimo rinvio a giudizio di Bassolino e quella delle magagne del consiglio regionale pugliese, vero oggetto dell'indagine della magistratura di Bari, che vi ostinate a voler nascondere con la "pagliuzza" della performance sessuale del premier, della quale con tutto il rispetto, ci frega assai poco.
Parli con la retorica del vecchio bacchettone comunista, vedi scandali dappertutto, ma solo davanti e dietro di te, accanto a te non guardi mai.
Dolci sogni... alla Berlusconi maniera, senza troppe perversioni
Minima Moralia ;-)

Sammy ha detto...

Minima Minima perchè, vecchio discolaccio che non sei altro, fai sempre arrabbiare gli pseudo intellettuali di sinistra del tuo paese?

Lo sai che queste persone fanno conferenze, realizzano progetti (inutili) e pubblicano libri (ne scribacchiano uno e lo ripubblicano a pezzi cento volte e con titoli diversi, per dare l'idea di unn dinamismo letterario che non c'è)?

Me li immagino già, superbi ed arroganti come sono, rossi e gonfi dall'ira, a domandarsi come osi tu, piccolo insignificante opininista paesano, mettere il bastoncello tra le ruote della loro secolare inutilità, falsità ed ipocrisia.

Sono contenti di definire se stessi ed il PD come il nuovo che avanza (alcuni sono già in pensione altri stanno per andarci), e indubbiamente di avanzi si tratta, avanzi di Ciriaco De Mita, passati dall'altra parte non appena il nostro ha smesso di elargirgli favori.

Fai il bravo dunque, non vorrai fare più danni tu a questi poveracci che la D'Addario a Berlusconi!

Anonimo ha detto...

Ma nun ve ne iati lu mare?