Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

venerdì 3 ottobre 2008

NO COMMENT !

TEMPI DURI PER I FANNULLONI

Già dimezzate le assenze per malattia
Brunetta: "Sono meglio di Padre Pio"

E sulla decurtazione dello stipendio spiega: "In realtà con la malattia non viene tagliato lo stipendio ma non viene dato il salario accessorio che è legato alla presenza, tra i 10 e i 15 euro"

 Roma, 2 ottobre 2008 - "In pochi mesi si è registrata una diminuzione di quasi il 50% delle assenze per malattia e non sono un taumaturgo". È quanto ha dichiarato il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, nel corso della trasmissione 'Faccia a faccià Su Radio3.

"Sono meglio di Padre Pio", ha proseguito scherzando il ministro, che poi ha parlato delle polemiche riguardanti la decurtazione dello stipendio per malattia: "I lavoratori pubblici malati si sentono agli arresti domiciliari? Se è così - ha precisato il ministro - vuol dire che non hanno la coscienza a posto. In realtà con la malattia non viene decurtato lo stipendio ma non viene dato il salario accessorio che è legato alla presenza".

 In particolare, ha spiegato Brunetta, "il salario è composto di due parti, una fissa e un'altra legata alla produttività che mediamente vale tra i 10 e i 15 euro. È chiaro che se il dipendente pubblico sta a casa per malattia questa seconda parte viene decurtata".

(da "Quotidiano.net")

Nessun commento: