Il terremoto avrebbe dovuto insegnare ad avvicinarsi di più, perchè tutti hanno vissuto lo stesso dolore (R.Venezia)
Non si può scavare, le macerie del cuore sono troppo pesanti (R.
G.)

mercoledì 16 marzo 2011

Il presentatore di «annozero»

Santoro scambia volontari per paparazzi
«Scattavamo foto e ci ha insultato»


da http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2011/12-marzo-2011/santoro-scambia-volontari-paparazzi-guardavamo-panorama-ci-ha-insultato--190212076789.shtml

4 commenti:

Anonimo ha detto...

A Santoro piacciono solo le foto rubate a casa del premier. Che schifo.
Come se questo finto moralista non fosse un personaggio pubblico.
I due pesi e le due misure dei comunisti.
Se c'ero io a fare le foto e mi aggrediva insultandomi sa quanta paccheri acchiappava!
Ipocrita!

Anonimo ha detto...

Blogger come mai è stato cambiato nome al blog?
Nostrasantangelo non andava bene piu?
e perchè irpiniacontrocorrente?
Una semplice curiosità.
Grazie per eventuali chiarimenti.

Minima Moralia ha detto...

Il blog è sempre identificato in rete come Nostrasantangelo.

Il cambiamento di denominazione riguarda solo la "facciata" e trae origine da un momento di delusione per il percorso sterile che questo "nostro" paese ha imboccato molti anni fa e che, inesorabilmente, continua a percorrere.

Il nome "Nostrasantangelo" nasceva in effetti dall'esigenza di affermare e difendere una ben nota e precisa identità, culturale e storica, che aveva fatto di S.Angelo il punto di riferimento dell'Irpinia intera.

Questa identità, che in verità molti giovani nemmeno conoscono e comprendono, non è più una meta né un valore socialmente condiviso, ma appartiene alla dimensione nostalgica dei ricordi di pochi tra noi.

Un po’ per ripicca e sicuramente per rabbia, dunque, cambiai il nome in Irpinia Controcorrente, senza con ciò voler palesare una vocazione rivoluzionaria che ormai non mi appartiene, ma per polemizzare sul fatto che, in quel che resta della "Nostrasantangelo" anche scrivere per sfogarsi o per raccontare una qualche verità è opera indegna e reazionaria, quando non anche un po’ idiota ed inutile: il guaio è che la pensa così una buona parte dei cittadini, e non soltanto, come sarebbe stato ipotizzabile, la leadership più o meno frustrata della politica locale.

Ormai sono giunto alla determinazione che il deterioramento politico e l'inettitudine amministrativa, fenomeni largamente diffusi in Italia e, ancor più in Campania ed in Irpinia, siano l'effetto e non la causa dei nostri problemi.

Ecco, un po’ confusamente e frettolosamente, la spiegazione è questa: non trovavo più una sant'angelo da definire "nostra" e allora ho cambiato perché quella illusione faceva un po’ male. Tutto qua!

Se però volete, io il nome lo cambio di nuovo, se non altro per continuare a condividere un sogno che è stato a lungo anche il mio.

Sueva ha detto...

sarebbe opportuno tornare a Nostrasantangelo magari ricorrendo ad un piccolo sondaggio che coinvolga i santangiolesi di buona volonta'pochi forse, emigrati certamente ,nostalgici sicuramente che hanno contribuito e contribuiscono alla vita del blog attraverso dibattiti riflessioni, non esenti da sana e costruttiva polemica.